Jazzascona 2011

Dopo l’articolo riservato al festival della letteratura, parliamo anche dell’altra manifestazione limitrofa, il festival del jazz di Ascona:i due siti fondamentali da cui avere tutte le notizie sul festival e sui luoghi, sono www.jazzascona.ch,

JAZZASCONA 2011

www.ascona-locarno.com; nel primo trovate tutto sul festival e nel secondo tutto sui luoghi, a me non rimane che integrare con quello che non troverete sui siti.

La prima considerazione è quella relativa a un cambio franco svizzero- euro che in un solo anno è passato da 1,40 a 1,20 non favorendo l’afflusso dei turisti, dall’area euro/dollaro, in Svizzera: la cosa è evidente notando che le code per fare benzina alle pompe di carburante dopo il confine non ci sono più; inoltre in Svizzera il diesel costa più della benzina e il gpl e il metano sono del tutto assenti.

Quindi la prima considerazione è fare il pieno in Italia,la seconda considerazione è sul festival: la presenza di pubblico c’è stata.

Le 70000 presenze di pubblico pagante sono il 10% in più dell’anno scorso sicuramente dovuta al bel tempo (una sola serata di pioggia su 10) e a più di 250 concerti offerti dai 6 palchi.

JAZZASCONA 2011

La presenza di giovani è stata favorita dal prezzo di 10 franchi rispetto ai 20 del costo ingresso per sera, anche se è stata forte la presenza di chi comunque in questi luoghi ci viene  per vacanza e gli Hotel hanno quasi fatto il tutto esaurito; cosa da non sottovalutare perché qui, come in altre manifestazioni, il successo o meno di un evento è dovuto alla ricaduta economica sul territorio: con la cultura (qui l’hanno capito) si mangia.

Il festival è arrivato, grazie anche a queste sinergie, alla 27° edizione, quest’anno il sottotitolo era Body & Soul : il corpo è stata la vera novità di quest’anno e si riferisce all’introduzione del burlesque all’interno del festival . Per quanto riguarda le band vi dò dei pareri del tutto personali, dovuti anche al fatto che inevitabilmente non tutto si riesce a vedere data la contemporaneità di molti eventi.

JAZZASCONA 2011

Due sono stati per me i complessi da segnalare: gli inglesi Jive Aces con la speciale partecipazione di Rebecca Grant inglesi , con un repertorio jump’n jive, e il ticinese Silvan Zingg trio con un repertorio Boogie Woogie da vedere entrambi.

Ovviamente come per tutti concerti dal vivo ogni volta che si prende il cd o si guardano i video l’emozione non è mai come quando si assiste alla performance dal vivo , anche in questo caso sono due complessi che non fanno necessariamente il jazz tradizionale , ma questo è il bello della manifestazione, che si è allargata anche  generi diversi.

JAZZASCONA 2011

Un discorso a parte merita la presenza italiana anche quest’anno dopo i Chigago Stompers il premio del pubblico dato con schede o dal sito è andato a una band italiana i Sugarpie & the Candymen genere swing-jazz-soul, emiliani di Piacenza che sono stati i più votati dal pubblico e quindi torneranno il prossimo anno ospiti del festival.

JAZZASCONA 2011

Vi invito anche qui ad andare sui rispettivi siti per goderveli  e per andare a cercarli in future tournée in Italia.

Sempre parlando d’Italia interessante il passaggio di frontiere di alcune band del festival con un anteprima a Stresa e una chiusura a Cannobio.

Continuando a parlare di territorio vi segnalo tre mostre :

la prima di Botero a casa Rusca a Locarno dove potrete ammirare le opere quadri e sculture degli ultimi 15 anni dell’autore e inoltre munitevi di macchina fotografica poiché , cosa rara, sono fotografabili;


la seconda presso il castello di Sasso Corbaro a Bellinzona, “lo scorrere del fiume , l’opera dell’uomo” che tratta dei lavori di bonifica sul fiume Ticino che scorre e nasce qui e che peraltro dà il nome a tutto il cantone ; il castello inoltre è uno dei punti più panoramici del territorio dichiarati patrimonio dell’Unesco, www.bellinzonaturismo.ch, e fa parte dei tre castelli della zona di cui questo, che è il più piccolo, ma per me il più bello;

la terza mostra la trovate a villa cedri sempre a Bellinzona, www.villacedri.ch, “ Parole & Figure” , la struttura è specializzata in mostre di grafica le tre mostre hanno ovviamente una durata limitata , ma tutti e tre i luoghi svolgono un’attività continua e costante e meritano comunque una visita per le caratteristiche del luogo stesso.

Altra informazione che vi dò, vi servirà se volete organizzare un viaggio in futuro in questi territori: per esempio il sito www.longlake.ch vi dà l’elenco di tutte le manifestazioni attorno alla città di Lugano, magari in occasione della prossima edizione del festival di Ascona , che si svolgerà dal 28 giugno all’8 luglio 2012.

Dino Giatti

Tutte le foto del festival sono copyright di http://www.fotopedrazzini.ch, cliccando sull’immagine trovate le informazioni relative

LetterAltura 2011 quinta edizione

Giunta alla sua quinta edizione, LetterAltura sul Lago Maggiore è ormai diventata una manifestazione di riferimento per tutti gli appassionati di viaggio e di avventura, grazie a una formula consolidata e peculiare, interamente votata alla riscoperta della cultura di montagna. Protagonisti del festival, che si terrà a Verbania da mercoledì 22 a domenica 26 giugno, saranno alcuni dei più grandi scrittori di letteratura di montagna, registi, fotografi e alpinisti di fama internazionale. LetterAltura proseguirà poi nei successivi weekend di luglio nelle valli Antrona, Antigorio e Formazza, Vigezzo.

Ad aprire la manifestazione sarà Folco Quilici, viaggiatore instancabile ancor prima che fotografo, documentarista e scrittore, decano dei narratori italiani di montagna, mare e avventura. Accanto a lui, all’interno di un programma articolato e fittissimo, troviamo autori come Francesco Guccini, che interverrà per ricordare il suo Appennino; Cristina Comencini e Margherita Oggero, ospiti principali del percorso Montagne in Giallo; Wu Ming 2, che si farà portavoce della filosofia slow life; Bernard Ollivier, che racconterà “il cammino come cura”, terapia utilizzata per il recupero di giovani in difficoltà. E ancora la scrittrice italo-lettone Marina Jarre e Daniela Dawan, avvocato e romanziera di origine libica, parleranno di identità e multiculturalità; Sebastiano Vassalli narrerà la vita di paese come frammento di vita universale, mentre Laura Pariani indagherà con Massimo Zenari le nuove forme di povertà.

Ampio spazio sarà dedicato, come di consueto, al racconto delle imprese e delle difficoltà dell’alpinismo, attraverso il confronto tra diverse generazioni di scalatori: veterani come Kurt Diemberger e Alessandro Gogna saranno infatti affiancati dalle nuove leve Marco Anghileri e Eloise Barbieri. Augusto Golin e Luigi Zanzi tratteranno un lato meno noto ma altrettanto avvincente delle spedizioni alpinistiche, con la cronaca dei casi giudiziari legati alle imprese più famose. Da segnalare inoltre il cine-incontro con lo scrittore Giovanni Capra, autore di Morte sull’Eiger, racconto da cui è stato tratto l’emozionante film North Face.

Alpinismo e scrittura dunque, ma anche musica: Petra Magoni e Ferruccio Spinetti porteranno infatti a LetterAltura Voce Nuda, concerto che accosterà al repertorio di cover e inediti del duo insolite riletture di tradizionali canti di montagna. Non mancherà infine la comicità, con lo spettacolo Una montagna da ridere di Maurizio Milani: un viaggio surreale e dissacrante nella provincia del Verbano, scandito dalla spiazzante ironia del cabarettista milanese.

Come nelle precedenti edizioni, LetterAltura articola i suoi numerosi incontri attorno a sei temi principali: Montagna e spiritualità, (R)esistenze, Alpinismo, Montagne d’Europa, la Mucca, Vino di Montagna.

MONTAGNA E SPIRITUALITA’

La maestosità dei monti, l’ampiezza della visuale che si offre ad alta quota, il fascino delle vette che sembrano sfiorare il cielo rimandano irresistibilmente al rapporto tra umano e divino. In questa edizione di LetterAltura il tema della spiritualità sarà approfondito con le testimonianze di personaggi controcorrente come Padre Andrej, monaco ortodosso di Decani in Kosovo. Il religioso racconterà la complessa realtà del suo monastero alle pendici del monte Prokletije, attualmente sotto la protezione delle Nazioni Unite. Altra esperienza importante sarà quella raccontata da Don Cesare Falletti, anima del monastero cistercense di Pra d’Mill, nella valle dell’Infernotto a Bagnolo Piemonte (CN).

(R)ESISTENZE

(R)esistenze è un percorso cardine per capire la specificità della proposta di LetterAltura: qui vengono indagate questioni di attualità spesso non coperte dall’attenzione dei media, tradizioni e innovazioni nella vita quotidiana, in montagna ma non solo, culture “altre” che lottano per non scomparire. (R)esistenza è, per esempio, quella di Viganella, piccolo paese di montagna che non vuole accettare passivamente le regole delle stagioni e si inventa uno stratagemma per “conquistare” il sole, come raccontato nel film Lo specchio. (R)esistenza è la vita difficile di chi non si arrende mai, ma combatte ogni giorno con coraggio e orgoglio, per ricordare a sé e agli altri i propri cari scomparsi in nome della libertà. (R)esistenza è sempre e soprattutto un atto d’amore. Vivere in montagna in certe condizioni è già di per sé una resistenza.

Si faranno interpreti del percorso tematico Alberto Peruffo, in dialogo con il giornalista Leonardo Bizzaro, la scrittrice Paola Lugo con Roberto Serafin, Franco Arminio con Paolo Di Stefano.

LA MUCCA

Simbolo della feconda natura femminile, associata nell’antico Egitto alla dea madre Hator, addomesticata in Mesopotamia e venerata in India, è l’animale che meglio rappresenta la vita e il lavoro in montagna. LetterAltura incontra questo animale, materno e mansueto, mettendone in luce gli aspetti più caratteristici.

IL VINO DI MONTAGNA

Nel corso della storia l’uomo ha sempre coltivato la vite, talvolta in zone particolari, quasi uniche, lavorando terreni impervi e di notevole pendenza. La viticoltura eroica è una straordinaria dimostrazione dell’audacia e del coraggio del lavoro umano nel chiedere alla Natura sostegno anche in territori difficili, come le pendici dei monti. A LetterAltura si parlerà allora di vini valdostani con Mauro Jaccod, di vini della Valtellina con Isabella Pellizzatti Perego, di CERVIM con Gianluca Macchi e di vini ossolani con Mario Garrone.

MONTAGNE D’EUROPA

Con la passata edizione di Lago Maggiore LetterAltura si è inaugurato un percorso tematico dedicato alle montagne d’Europa che hanno fatto la storia culturale, politica e sociale non solo europea. Saranno ospiti di questo percorso il giornalista Pietro Crivellaro, che nel 150° dell’Unità d’Italia renderà omaggio al Monviso, teatro della spedizione del 1863 organizzata da Quintino Sella; l’antropologo sloveno Bozidar Jezernik, che racconterà le asperità dei monti dei Balcani, vicini geograficamente, ma selvaggi e lontani nella percezione comune. Infine, il gruppo musicale basco-guascone Xarnege porterà a LetterAltura il suo repertorio di granle, gavotte, segidas e roundeau, ideale rappresentazione dell’incontro tra le culture tradizionali che si sviluppano ai due lati della catena dei Pirenei.

SPAZIO AI BIMBI!

LetterAltura è un festival che vuole coinvolgere proprio tutti. Quindi un’attenzione particolare è stata dedicata anche quest’anno ai bambini, che potranno divertirsi grazie a iniziative pensate appositamente per loro: dagli incontri con autori come Andrea Valente, Chiara Dattola e Anna Lavatelli ai laboratori creativi con Davide Longaretti e Mayuko Tazumi, fino all’arrampicata su parete artificiale, carrucola e ponte tibetano, guidata dal Corpo Guide Alpine Valle Ossola, ai corsi di introduzione alle regole e alla pratica del canottaggio.

A VERBANIA DAL 22 AL 26 GIUGNO 2011
VALLE ANTRONA 1-3 LUGLIO
VALLI ANTIGORIO E FORMAZZA 8-10 LUGLIO
VALLE VIGEZZO 16-17 LUGLIO

http://blog.letteraltura.it/

http://twitter.com/letteraltura

http://www.facebook.com/letteraltura