Basta Italia

La posizione di subordinazione protettorale o semi-coloniale dell’Italia, e il suo essere direttamente governata da una delegazione del capitale globalista, si concreta anche nel suo essere l’unico paese occidentale in cui la gente è sottoposta al ricatto vaccinale per lavorare, al green pass, a spese della salute pubblica e dell’economia nazionale, e beneficio dei profitti e della sperimentazione farmacologica di Big Pharma. Un ricatto assistito con falsificazioni e censure e impedimenti alle cure valide da parte di uno Stato, la cui stessa natura di organo degli interessi corporate multinazionali, suggerisce di evitare qualsiasi sostanza ti voglia propinare, perché il nostro benessere non è tra i suoi interessi, avendo esso anzi chiaramente optato per coltivare una popolazione di gente malaticcia e bisognosa di sempre nuovi, costosi farmaci e vaccini. Un ricatto degradante, che sostanzia il reato di riduzione in schiavitù aggravata (punibile con fino a 30 anni di reclusione): se vuoi lavorare e mangiare, devi accettare il ruolo di animale di laboratorio nell’interesse del grande capitale, che esprime il governo e la scienza – vedi l’art. 600 CP: Chiunque … … riduce o mantiene una persona in uno stato di soggezione continuativa, costringendola a … …  prestazioni che ne comportino lo sfruttamento, è punito con la reclusione da otto a venti anni. La riduzione o il mantenimento nello stato di soggezione ha luogo quando la condotta è attuata mediante violenza, minaccia, inganno, abuso di autorità o approfittamento di una situazione di inferiorità fisica o psichica o di una situazione di necessità, … … . La pena è aumentata da un terzo alla metà se i fatti di cui al primo comma sono commessi in danno di minore degli anni diciotto … … . Lo Stato italiano, in questo caso, ha ridotto i cittadini allo sfruttamento come cavie.

Ma consoliamoci: pare che gli Italiani siano solo i capofila della sostituzione su scala globale di un sistema socioeconomico basato sul consumismo voluttuario di grande spreco e impatto ambientale (automobili, case…) con uno a basso impatto ambientale, quindi sostenibile, basato sul consumismo farmaceutico e sospinto dalla sempre rinfocolata paura della morte, che assicura a Big Pharma altissimi e costanti profitti, con cui potrà generosamente remunerare politici, burocrati, esperti e pennivendoli contaballe, garanti del consenso delle masse, per quel che ancora conta.

10.10.21 Marco Della Luna

5 pensieri su “Basta Italia

  1. Non solo. La struttura a blockchain permette una raccolta dei dati (potenzialmente infinita) che non è aggregata: la blockchain individualizza i dati, legandoli all’identità digitale creata, e come tali li conserva. Il Green Pass quindi sta attuando una schedatura di massa. Nella migliore delle ipotesi sta testando la funzionalità dell’infrastruttura – che potrebbe essere la base del futuro euro digitale – nella peggiore sta già creando le identità digitali dei cittadini e implementando il database di una piattaforma che potrà essere utilizzata per gli usi più diversi. Al Green Pass si affianca infatti un cambiamento legislativo sull’utilizzo dei dati.

    Con il decreto legge n. 139 dell’8 ottobre, il governo ha messo mano alla legge 196/2003 sulla privacy: con l’articolo 9, il nuovo decreto stabilisce che “il trattamento dei dati personali da parte di un’amministrazione pubblica […] nonché da parte di una società a controllo pubblico statale […] è sempre consentito se necessario per l’adempimento di un compito svolto nel pubblico interesse o per l’esercizio di pubblici poteri a essa attribuiti. La finalità del trattamento, se non espressamente prevista da una norma di legge o, nei casi previsti dalla legge, di regolamento, è indicata dall’amministrazione, dalla società a controllo pubblico in coerenza al compito svolto o al potere esercitato”. Viene inoltre abrogato l’articolo 2 quinquesdecies del codice della Privacy, che consentiva al Garante di intervenire preventivamente sull’attività della pubblica amministrazione imponendo “misure e accorgimenti a garanzia” dei dati dell’interessato se il trattamento dei dati presentava “rischi elevati”, anche se svolto “per l’esecuzione di un compito di interesse pubblico”. In altre parole, ora qualsiasi ente pubblico o società a controllo statale potrà decidere autonomamente (“la finalità del trattamento è indicata dall’amministrazione stessa”) di utilizzare tutti i dati personali del cittadino per qualsiasi obiettivo (la vaghezza della dicitura “pubblico interesse”); per di più eludendo il controllo preventivo del Garante della Privacy.
    https://byebyeunclesam.wordpress.com/2021/11/04/sta-a-ciascuno-di-noi-scegliere/

    "Mi piace"

    • Per quanto detto sopra la trappola è già scattata (in Italia si chiama SPID); possiamo solo lasciare vuoti ristoranti, cinema, teatri ecc. può diventare un’arma economica di pressione sul potere politico, oltre a rappresentare un atto di protesta collettiva e di coerenza personale.

      "Mi piace"

  2. Il modello che viene così progressivamente eroso e cancellato è quello delle democrazie parlamentari, con i loro diritti e le loro garanzie costituzionali e al loro posto subentra un paradigma di governo in cui , in nome della biosicurezza e del controllo , le libertà individuali sono destinate a subire limitazioni crescenti.
    La concentrazione esclusiva dell’attenzione sui contagi e sulla salute impedisce infatti di percepire la Grande Trasformazione che si sta compiendo nella sfera politica e di rendersi conto che, come gli stessi governi non si stancano di ricordarci, la sicurezza e l’emergenza non sono fenomeni transitori, ma costituiscono la nuova forma della governamentalità.
    In questa prospettiva è più che mai urgente che i parlamentari considerino con estrema attenzione la trasformazione in corso, che alla lunga è destinata a svuotare il parlamento dei suoi poteri, riducendolo, come sta ora avvenendo, ad approvare in nome della biosicurezza decreti che emanano da organizzazioni e persone che col parlamento hanno ben poco a vedere.

    Giorgio Agamben Intervento al Senato del 7 ottobre 2021

    "Mi piace"

  3. Ma dentro tutto questo c’è una sorta una sorta di piacere dalla disgrazia altrui, la schadenfreude che riempie le teste vuote e le anime morte ed è probabilmente la gioia della pecora portata al macello insieme alle altre che deride le poche che vogliono rimanere a pascolare. Di fronte all’impossibilità di dimostrare che la dittatura sanitaria abbia un senso, che abbia un senso la vaccinazione di massa così come il divieto di cura imposto per la prima volta nella storia, il sistema deve ricorrere al recupero degli istinti più oscuri, quelli che sono all’origine del razzismo e della xenofobia
    https://ilsimplicissimus2.com/2021/11/04/il-fanatismo-delle-pecore

    "Mi piace"

  4. L’aumento del costo delle bollette della luce e del gas rientra in un disegno geopolitico incorniciato dal piano conosciuto come Grande Reset. Le enormi ricchezze del Paese sono state depredate colpendo per prima cosa l’industria del turismo, soprattutto quello di qualità, ormai inglobato da multinazionali dirette dall’alto. L’obbligo di green pass ai lavoratori è il colpo finale volto a lasciare in ginocchio il Paese.
    Nicoletta Forcheri

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.