Alitalia

Il suicidio dell’Alitalia, quella che era la nostra prestigiosa compagnia di bandiera, è una sorta di suicidio assistito o meglio una liquidazione voluta che ha molti responsabili ma prima di tutti una intera classe politica e i vari governi che si sono alternati in questi anni.
La soluzione imposta à quella di gettare “il bambino con l’acqua sporca”, senza alcun tentativo di salvare e risanare la compagnia.
Per questo compito è stato scelto un “liquidatore di prestigio” come Mario Draghi che potrà mettere nel suo albo anche questa perla ma, ne siamo sicuri, ne seguiranno altre: il liquidatore deve fare il suo mestiere, è stato nominato per quello.
Draghi non si considera un “dittatore” come il turco Erdogan, lui è soltanto un liquidatore e si può permettere di rompere i rapporti con il premier turco e far liquidare anche i contratti che molte aziende italiane avevano in corso d’opera con la Turchia. Poi verrà la volta della Cina quando dovrà qualificare come “dittatore” anche Xi Jimping e saranno migliaia le aziende italiane che saranno espulse dalla Cina, il maggior mercato di export al mondo, con grande vantaggio dei concorrenti tedeschi, francesi e di altri paesi.
D’altra parte è anche vero che, a un paese ridotto al ruolo di una sub colonia, non serve neanche avere una propria compagnia di bandiera. Serve molto di più avere un bravo liquidatore.

Il “liquidatore” Mario Draghi inizia con liquidare l’Alitalia..

Figure retoriche

Sempre a proposito di Speranza abbiamo citato l’antitesi “vigile attesa” :

Dal greco antíthesis ‘contrapposizione’.

Consiste nell’accostamento di termini o concetti di senso opposto, accostamento che spesso è reso più incisivo dalla struttura simmetrica della frase

chiunque rifletta capisce il trucco di richiedere cose impossibili; eppure a questo si sono attenuti gli ospedali quando non sono passati all’azione coi ventilatori meccanici (provocando embolie) di cui i medici si sono accorti dalle autopsie (parimenti vietate).

Eppure Speranza è stato confermato al suo posto dal governo Draghi…

Sempre le figure retoriche giustificano il seguito vaccinale di cui all’articolo https://ilsimplicissimus2.com/2021/04/13/estremismo-vaccinale-per-distrarre-dallassurdo

Speranza, l’obbligo di ammalarsi

Sono talmente stupidi e in malafede che non riescono a tenere dietro alle loro stesse mistificazioni. Il ministro Speranza che è la nostra disperazione ha fatto sapere che “Fin quando non avremo un numero sufficiente di vaccinazioni le misure restrittive restano” facendo apparire senza più veli il ricatto di Big Pharma: se non ti vaccini rimani prigioniero. E tuttavia in questa vera e propria estorsione praticata  per superare invalicabili diritti e più che giustificate perplessità  il ministro si è tradito e ci ha sostanzialmente confessato che non è necessario che tutti si vaccinino, ma che basta una certa percentuale per interrompere la catena della trasmissione virale. Proprio come diceva l’epidemiologia fino al febbraio dell’anno scorso: ci sono anzi numerosi studi che per le malattie di tipo influenzale basta che ci sia il 35 – 40 per cento dei vaccinati per estinguere l’epidemia

Leggi tutto su https://ilsimplicissimus2.com/2021/04/10/speranza-lobbligo-di-ammalarsi/

Gente sudata

Adesso la “gente sudata”, come la chiamava con palese disgusto il magistrato Carofoglio, ha versato l’ultima goccia di sudore e non le rimane che il sangue. La Destra, quella che ha i numeri in parlamento, affianchi la protesta dei disgraziati vessati da questa classe politica inguardabile. Riconquisti un minimo di credibilità e dignità, quella irrimediabilmente persa dai giallo-fucsia e faccia pressioni sul Governo Draghi e sull’Europa. Facciano i sovranisti veri per una volta e dimostrino di stare al fianco del popolo.

https://www.ariannaeditrice.it/articoli/la-rivolta-degli-sciamani