L’Italia sarà il primo stato dell’Unione Europea a produrre il vaccino russo Sputnik V per l’immunizzazione contro il nuovo coronavirus. Lo ha confermato questa settimana la Camera di Commercio italo-russa.

Il vaccino russo ha dimostrato di essere altamente efficace ed efficiente nel trattamento dei casi di Covid-19, compresi i casi di nuove varianti virulente. È stato convalidato dalla stimata rivista Lancet e da dozzine di regolatori nazionali in tutto il mondo. Oltre 40 nazioni hanno approvato il trattamento con Sputnik V ed è emerso come un vaccino leader nell’adozione a livello mondiale, specialmente tra le nazioni più povere che possono permettersi meglio il medicamento russo rispetto ai trattamenti occidentali più costosi.

L’EMA, il regolatore europeo, si è seduto sulla domanda russa di approvazione dello Sputnik V negli ultimi due mesi. Il ritardo irrazionale può essere spiegato solo dai funzionari dell’EMA che soffrono della stessa russofobia della guerra fredda di politici come Von der Leyen e Tusk.
Il mese scorso Ursula von der Leyen, ex ministro della Difesa tedesco e capo della NATO totale come Tusk, ha fatto osservazioni sprezzanti sul fatto che lo Sputnik V russo non fosse in grado di produrre per soddisfare la domanda.

3 pensieri su “L’Italia sarà il primo stato dell’Unione Europea a produrre il vaccino russo Sputnik V per l’immunizzazione contro il nuovo coronavirus. Lo ha confermato questa settimana la Camera di Commercio italo-russa.

  1. Dopo la morte di un insegnante a Biella, la Regione Piemonte aveva ordinato il blocco della somministrazione del prodotto Astra Zeneca a scopo cautelativo, ma il governatore Cirio è stato obbligato a tornare sui suoi passi: l’Esecutivo ha fatto capire che sui vaccini i poteri sono suoi.

    Il ministero della Sanità ha precisato che soltanto l’Ema o l’agenzia del farmaco sono competenti a prendere decisioni su eventuali “fermi”, e il ministro ha voluto ribadire la “sicurezza” di tutti i vaccini, facendo sue le considerazioni del professor Alberto Mantovani e del presidente dell’Aifa, Palù, che raccomandano ai cittadini di non cedere alla “deriva emotiva”. Il generale Figliuolo, comandante della lotta al Covid, intervenendo da Fazio a “Che tempo che fa” ha proclamato: bisogna cambiare velocità, se ci sono le classi prioritarie che possono utilizzare il vaccino, bene, altrimenti si va su classi vicine o sennò chiunque passa va vaccinato”, Lasciando alla vostra immaginazione l’ipotesi non remota di franchi tiratori dell’esercito che con una spara-aghi iniettano a sorpresa ignari passanti, qualche turista per caso, facendo concorrenza a Cuba, e pure qualche dissenziente a scopo dimostrativo.
    https://ilsimplicissimus2.com/2021/03/15/i-signorsi-dei-vaccini/

    "Mi piace"

  2. Certo il mondo politico tedesco in tutte le sue componenti, anche quelle più radicali, non può mettere in dubbio la narrazione pandemica pena il suicidio, come del resto accade per tutti i ceti politici occidentali che si sono lasciati trascinare in questo gorgo, ma esprime comunque uno scollamento con il bon ton euroamericano che mostra come ormai la costruzione continentale stia vacillando proprio a partire dal centro e non come ci si sarebbe potuti aspettare dalla periferia vessata e spogliata di sovranità.
    https://ilsimplicissimus2.com/2021/03/27/in-germania-cresce-la-voglia-di-sputnik/

    "Mi piace"

Rispondi a redattorecapo Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.