Storie e racconti della Ferrara ebraica

La storia di Ferrara si intreccia alla cultura ebraica da quasi un millennio. Risale infatti al 1100 circa il primo stanziamento di una piccola comunità ebraica a Ferrara, comunità che si ingrandì nei secoli nel cuore della città medioevale – tra via Sabbioni (oggi via Mazzini), via San Romano, via Gattamarcia (oggi via Vittoria).
Numerosi i ferraresi di cultura ebraica che si distinsero come protagonisti della storia, dell’arte e della musica del Novecento: ricordiamo l’architetto e urbanista Ciro Contini (1873-1952), il pittore Roberto Melli (1885-1958), lo scultore Arrigo Minerbi (1881-1960) e il violinista Aldo Ferraresi (1902-1978).
Chi rappresentò le vicende della Ferrara ebraica fu Giorgio Bassani, che, ambientando molti dei suoi romanzi e racconti nella città estense, narrò la dignità e il dolore con cui gli ebrei italiani e, nello specifico, ferraresi, subirono gli anni del fascismo e della guerra.
Le vicende della Ferrara ebraica e i suoi protagonisti saranno uno dei principali fili conduttori della quarta edizione della Festa del Libro Ebraico in Italia.
Mercoledì 24 aprile 2013 ore 21.30 – Chiostro di San Paolo
Conversazioni notturne con l’autore – Storie e racconti della Ferrara Ebraica
Matteo Provasi. Ferrara Ebraica: una città nella città. 2G, Padova, 2010
Monica Pavani. L’eco diMicol. Itinerario bassaniano. 2G, Padova, 2011
II libro di Matteo Provasi approfondisce le vicende che hanno portato all’integrazione tra la città di
Ferrara e la sua comunità ebraica: una lunga e articolata storia raccontata attraverso momenti cruciali
ed eventi paradigmatici.
Il lavoro di Monica Pavani si fecalizza invece sul rapporto fra Giorgio Bassani e la sua città, costruendo
un itinerario in dodici tappe, ciascuna collegata ai personaggi e ai luoghi dei racconti e romanzi
bassaniani.
Venerdì 26 aprile 2013 ore 16.00 – Cortile d’Onore del Castello Estense
Passeggiata prima di cena… al seguito di Giorgio Bassani
Una lapide in via Mazzini e altre lapidi parlanti
a cura di Monica Pavani (Scrittrice e traduttrice, Ferrara) e Marco Sgarbi (Direttore artistico del
Teatro Comunale di Occhiobello, Rovigo).
Punto di incontro 10 minuti prima dell’inizio della passeggiata presso il Cortile del Castello Estense.
L’itinerario ha una durata di 1 ora e 30 minuti.
Sabato 27 aprile 2013 ore 23.00 – Piazza Trento Trieste
Atmosfere notturne alla scoperta della Ferrara ebraica ed estense
Percorso guidato nel centro storico della città a cura di Francesco Scafuri.
Nel corso della passeggiata, presso il Volto del Cavallo è previsto lo scoprimento della targa, ideata dall’avv. Paolo Ravenna, che racconta l’importante storia della colonna di Borso d’Este. A seguire, nel Cortile d’Onore del Castello Estense, una degustazione di sapori di ispirazione ebraico-ferrarese.
Domenica 28 aprile 2013 ore 9.00 – Comune di Cento, Casa Pannini (Via Quercino, 74 – Cento) Immanuel Chay Ricchi, un cabalista itinerante nell’Italia del Settecento
La giornata di studio proposta in collaborazione con il Comune di Cento vuole approfondire la figura di uno tra i più importanti cabalisti italiani, il rabbino Immanuel Chay Ricchi (Ferrara 1688 – Cento 1743).
Domenica 28 aprile 2013 ore 10.00 – Fondazione MEIS
Premio Roberto Nissim Haggiag
Assegnazione del “Premio Roberto Nissim Haggiag” bandito dalla Fondazione Giorgio Bassani per
valorizzare e promuovere studi scientifici universitari legati alla figura e all’opera dello scrittore. Il
Premio è assegnato alla presenza di Mirella Petteni Haggiag (Presidente della giuria), Paola Bassani
(Presidente Fondazione Giorgio Bassani) e di altri componenti della giuria.
Domenica 28 aprile 2013 ore 11.30 – Ridotto del Teatro Comunale
Ferrara Ebraica: storia e vita nei lavori di Paolo Ravenna
Un incontro dedicato ad approfondire alcuni aspetti della Ferrara ebraica raccontati nei lavori
dell’avvocato Paolo Ravenna. L’appuntamento, coordinato da Anna Quarzi (Presidente ISCO, Ferrara),
vede la partecipazione di Michele Borsatti (Docente, Ravenna), Alberta Levi Temin (Comunità
Ebraica di Napoli), Daniele Ravenna (Direttore del Servizio Studi del Senato della Repubblica, Roma –
figlio di Paolo Ravenna), Franco Schòneit (Comunità Ebraica di Ferrara).
Domenica 28 aprile 2013 ore 15.00 – Cortile d’Onore del Castello Estense La partecipazione degli ebrei alla Resistenza
La giornalista Carmen Lasorella modera l’incontro di approfondimento sul ruolo degli ebrei nella lotta di liberazione dal nazifascismo. Alberto Cavaglion (Università di Firenze) partecipa con una relazione sugli ebrei italiani nella Resistenza: questioni storiografiche aperte; Antonella Guarnieri (Ricercatrice ISCO, Ferrara) affronta il pensiero e l’azione degli antifascisti ebrei ferraresi Renato Hirsh e Renzo Benfiglieli; Lidia Maggioli e Antonio Mazzoni (Istituto per la storia della Resistenza e dell’Italia contemporanea, Rimini) fecalizzano l’attenzione sulla figura di Giuseppe Levi Cavagliene; Anna Quarzi (Presidente ISCO, Ferrara) esamina la figura di Matilde Bassani; Curi Schwarz (Università di Pisa) prende in esame il tema degli antifascisti e partigiani di fronte alla persecuzione razziale.
Domenica 28 aprile 2013 ore 21.00 – Cortile d’Onore del Castello Estense Passeggiata dopo di cena… al seguito di Giorgio Bassani Le notti del ’43 (a partire da due lapidi in Corso Martiri della Libertà) a cura di Monica Pavani e Marco Sgarbi.
Punto di incontro 10 minuti prima dell’inizio della passeggiata presso il Cortile del Castello Estense. L’itinerario ha una durata di 1 ora e 30 minuti.
Giovedì 25 aprile 2013 dalle 9.00 alle 12.30; dalle 14.00 alle 17.00; dalle 19.00 alle 20.00.
Venerdì 26 aprile 2013 dalle 9.00 alle 12.30.
Domenica 28 aprile 2013 dalle 9.00 alle 12.30; dalle 14.00 alle 17.00; dalle 19.00 alle 20.00.
Itinerario nella Ferrara ebraica: dal ghetto al MEIS
Partenze gruppi ogni mezz’ora presso l’Infopoint del Chiostro di San Paolo. Il servizio guida ha una
durata di circa un’ora e mezza per gruppi di 20/30 persone e si effettua a piedi. Per questo servizio è
previsto il pagamento di 2 €.
Per informazioni e prenotazioni: Itinerando. Servizi di Accoglienza turistica Tei: 0532 – 202003;
itineran@libero.it

Festa del libro ebraico

Ferrara, 24-28 aprile 2013
La Fondazione MEIS (Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah) con il supporto organizzativo di Ferrara Fiere Congressi e il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MiBAC), della Regione Emilia-Romagna, della Provincia e del Comune di Ferrara, dell’Università degli Studi di Ferrara, dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane e della Comunità Ebraica di Ferrara, è lieta di presentare la quarta edizione della Festa del Libro Ebraico in Italia.
Dal 24 al 28 aprile Ferrara ospita le molte iniziative in programma: dibattiti, presentazioni letterarie, convegni, tavole rotonde, concerti, spettacoli teatrali, proiezioni cinematografiche, laboratori di cultura ebraica per ragazzi, la terza Notte Bianca Ebraica d’Italia, la seconda edizione del Premio di Cultura Ebraica PARDES.
La manifestazione, promossa dalla Fondazione MEIS con il supporto organizzativo di Ferrara Fiere Congressi e il contributo della Regione Emilia-Romagna, ha l’obiettivo di diffondere la conoscenza dell’ebraismo italiano attraverso un programma di eventi ricco e diversificato. Molteplici i fili conduttori di questa edizione: la narrazione di alcuni degli snodi più importanti della storia degli ebrei in Italia tra XVI e XX secolo attraverso l’esposizione di una selezione della collezione di Gianfranco Moscati; storie e racconti della Ferrara ebraica; il contributo della cultura ebraica alla formazione del tango e del jazz; itinerari storico-culturali alla scoperta della figura di Immanuel Chay Ricchi.
La Festa inizia mercoledì 24 aprile alle 17.00 presso la sede della Fondazione MEIS con il saluto delle autorità e l’inaugurazione della mostra La Collezione di Gianfranco Moscati: storia e storie degli ebrei italiani narrate da oggetti di arte cerimoniale, documenti rari e libri preziosi, a cura di Serena Di Nepi
(Università La Sapienza, Roma – Fondazione MEIS). L’esposizione ripercorre i momenti principali delle vicende ebraiche italiane grazie a un dialogo continuo tra la narrazione cronologica dei secoli dell’età moderna e contemporanea e il racconto di alcune interessanti storie di protagonisti dell’epoca.
A seguire, al Chiostro di San Paolo, inaugurazione della grande libreria che rimarrà aperta al pubblico per l’intera durata della Festa e nella quale si potranno trovare testi di autori ebrei o di temi ebraici, e aperitivo di ispirazione ebraico-ferrarese.
La serata inizia alle 21.00 presso la Sala Soldini con la proiezione del film del 1927 // cantante di Jazz di Alan Crosland, opera che segna la nascita del cinema sonoro; alle 21.30 al Chiostro di San Paolo Matteo Provasi e Monica Pavani raccontano la Ferrara ebraica e i legami tra la città e Giorgio Bassani. Si chiude sulle note del tango argentino con l’orchestra Este Tango e le esibizioni di tangueros.
Numerosi sono gli eventi in programma giovedì 25 aprile, giornata che in Italia commemora la liberazione dal nazifascismo. Presso il Chiostro di San Paolo la presentazione dell’annullo filatelico della quarta edizione della Festa del Libro Ebraico in Italia alle ore 10.00 offre un’occasione per conoscere aspetti dell’ebraismo raccontati attraverso la filatelia.
Il programma prosegue presso il Cortile d’Onore del Castello Estense, dove alle 15.00 Paolo Mieli (giornalista e Presidente RCS Libri), introdotto da Riccardo Calimani (Presidente Fondazione MEIS), propone una lectio magistralis sugli scrittori ebrei. Al Chiostro di San Paolo alle 17.00 Furio Biagini (Università del Salente) e il maestro Hugo Aisemberg (Direttore artistico Centro Astor Piazzola), accompagnati da esibizioni tanguere di Rita Grasso e del maestro Pablo Petrucci (Associazione TangoTe), illustrano il contributo della cultura ebraica alla formazione del tango. A seguire aperi-tango con il maestro Jorge Valendel.
La sera appuntamento alle 21.00 al Ridotto del Teatro Comunale con il recital di musica ebraica e tango argentino El Tango – Una h/stor/a con judios a cura dei maestri Juan Lucas Aisemberg e Hugo Aisemberg. Per gli appassionati di letteratura, alle 21.30 al Chiostro di San Paolo Bruno Osimo (scrittore e traduttore, Milano) presenta il suo libro Bar Atlantic.
Venerdì 26 aprile il Conservatorio “Frescobaldi” ospita il laboratorio di musica ebraica e jazz a cura di Enrico Fink (musicista, Firenze). Alle 10.00 presso il Chiostro di San Paolo studiosi e docenti coordinati da Simon Levis Sullam (Università Ca’ Foscari, Venezia) animano l’incontro Storie Condivise. Ebrei e cristiani tra eresia, libri proibiti e stregoneria. Partecipano Marina Caffiero (Università La Sapienza, Roma), Serena Di Nepi (Università La Sapienza, Roma), Cristiana Facchini (Università di Bologna), Adelisa Malena (Università Ca’ Foscari, Venezia), Giacomo Todeschini (Università di Trieste).
Sempre al Chiostro di San Paolo alle 15.00 Enrico Fink, Gabriele Coen (musicista, Roma) e Franco Minganti (Università di Bologna), accompagnati da intermezzi musicali degli allievi del conservatorio “Frescobaldi” di Ferrara, raccontano il contributo della cultura ebraica alla formazione del jazz. Alle 16.00, dal Cortile d’Onore del Castello Estense, Monica Pavani e Marco Sgarbi (Direttore artistico Teatro Comunale Occhiobello) offrono l’occasione di una passeggiata sulle tracce di Giorgio Bassani.
La giornata si conclude con la funzione religiosa di Kabbalat Shabbat presso la Sinagoga di via Mazzini.
Sabato 27 aprile alle 21.00, al termine di Shabbat, prende il via la terza Notte Bianca Ebraica d’Italia intitolata “E fu sera… e fu mattina…” L’appuntamento è al Chiostro di San Paolo per l’inaugurazione dell’evento e l’assegnazione del Premio di Cultura Ebraica PARDES. I vincitori della seconda edizione, premiati da Riccardo Calimani, Renzo Gattegna (Presidente Unione Comunità Ebraiche Italiane -Fondazione MEIS) e Roberto Finardi (Segretario Generale Comune di Ferrara – Fondazione MEIS), sono Elena Loewenthal (Premio alla letteratura – Studiosa, giornalista, scrittrice, Torino), Daniel Vogelmann (Premio alla carriera – Editore Giuntina, Firenze) e Umberto Fortis (Premio saggistica – Studioso ebraismo, Venezia). Wlodek Goldkorn (Responsabile culturale de L’Espresso) traccerà un ritratto dei premiati. A seguire Jewish Milonga (ore. 22.30): un’occasione per ballare sulle note di tanghi argentini fino a tarda notte.
Nel giardino della Fondazione MEIS, alle 22.30 è il momento dello spettacolo teatrale L’ora migliore del giorno, con la regia di Natasha Czertok, ispirato ai diari della scrittrice Etty Hillesum.
Da Palazzo S. Crispino in Piazza Trento Trieste, alle 23.00 prende il via un percorso guidato a cura di Francesco Scafuri (Responsabile Ufficio Ricerche Storiche – Comune di Ferrara) che offre l’opportunità di assaporare atmosfere notturne alla scoperta della Ferrara ebraica ed estense. Durante l’escursione, presso il Volto del Cavallo, è in programma lo scoprimento della targa ideata dall’avv. Paolo Ravenna che illustra la storia della colonna di Borso d’Este. Il noto intellettuale ferrarese, scomparso nel novembre scorso, condivideva infatti con i maggiori esponenti della Comunità Ebraica di Ferrara la consapevolezza dell’importanza di diffondere una vicenda così rilevante e ancora poco conosciuta da cittadini e turisti. All’1.00 degustazione di sapori di ispirazione ebraico-ferrarese al Cortile d’Onore del Castello Estense.
Domenica 28 la Festa coinvolge anche Cento, con la giornata dedicata alla scoperta di Immanuel Chay Ricchi, un cabalista itinerante nell’Italia del Settecento. Gli eventi, organizzati in collaborazione con il Comune di Cento prevedono un convegno con interventi di Rav Luciano Caro (Rabbino Capo Comunità Ebraica di Ferrara – Fondazione MEIS), Alessando Guetta (INALCO, Paris), Saverio Campanini (IRHT, Paris), Mauro Perani (presidente Associazione Italiana per lo Studio del Giudaismo), Emma Abate (IRHT, Paris), Natasela Danieli (Università Ca’ Foscari, Venezia); la visita guidata al Ghetto e al cimitero ebraico (ore 15.30); la cerimonia di inaugurazione del cippo funebre in memoria del rabbino Chay Ricchi (ore
17.00).
A Ferrara la giornata si apre invece alla Fondazione MEIS dove, alle 10.00, è assegnato il premio Roberto Nissim Haggiag. L’iniziativa, promossa dalla Fondazione Giorgio Bassani, è rivolta a promuovere studi scientifici legati alla figura e alle opere di Giorgio Bassani. La mattina prosegue alle ore 11.30 con un incontro al Ridotto del Teatro Comunale: Ferrara Ebraica: storia e vita nei lavori di Paolo Ravenna. L’evento, in collaborazione con l’Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara, è coordinato da Anna Quarzi (Presidente ISCO, Ferrara) e prevede interventi di Michele Borsatti (Docente, Ravenna), Alberta Levi Temin (Comunità Ebraica di Napoli), Daniele Ravenna (Direttore del Servizio Studi del Senato della Repubblica, Roma – figlio di Paolo Ravenna), Franco Schòneit (Comunità Ebraica di Ferrara).
Alle 15.00, presso il Cortile d’Onore del Castello Estense, è in programma l’incontro La partecipazione degli ebrei alla Resistenza, moderato da Carmen Lasorella (giornalista, Roma) e con relazioni a cura di Alberto Cavaglion (Università di Firenze), Antonella Guarnieri (Ricercatrice ISCO, Ferrara), Lidia Maggioli (Istituto per la storia della Resistenza e dell’Italia contemporanea – Rimini), Antonio Mazzoni (Istituto per la storia della Resistenza e dell’Italia contemporanea – Rimini), Guri Schwarz (Università di Pisa) e Anna Quarzi (Presidente ISCO, Ferrara).
Alle 18.00 al Chiostro di San Paolo, la lezione-concerto di Luca Bragalini (Conservatorio de L’Aquila) su / blues ucraini di Mr.Jacob Gershovitz: il jazz e la tradizione ebraica precede l’incontro di avvicinamento al tango a cura dei maestri dell’associazione TangoTe.
Alle 21.00, dal Cortile d’Onore del Castello Estense, Monica Pavani e Marco Sgarbi raccontano le vicende della notte del ’43 a partire dalle lapidi di Corso Martiri della Libertà con una passeggiata serale. In contemporanea, presso la Sala Boldini, la proiezione del documentario Tango, una historia conjudios del regista argentino Gabriel Pomeraniec.
La Festa si chiude alle 22.00 al Chiostro di San Paolo con i ritmi del Jewish Italian Jazz Ensemble.
A tutti coloro che dal 24 al 28 aprile si recano a Ferrara sono offerte ulteriori occasioni speciali: il piacere di dialogare al Chiostro di San Paolo con importanti autori, laboratori per ragazzi dagli 8 ai 13 anni, itinerari nella Ferrara ebraica, l’incanto di raffinati concerti che testimoniano le molte anime della musica di tradizione ebraica.
In questa edizione della Festa del Libro Ebraico in Italia, la Fondazione ha voluto rinsaldare, attraverso la selezione dei protagonisti e degli eventi in programma, il legame con la città per farlo divenire ancor più vivo e vitale.

Comics che passione!

Mostra sul fumetto italiano

comics
Il fumetto debutta in Italia il 27 dicembre 1908, giorno in cui nelle edicole esce il primo numero del Corriere dei piccoli.
In un secolo personaggi diversi (Alan Ford, Diabolik, Dylan Dog, Kit Karson,. Martin Mistere, Pecos Bill, Tex, Valentina…) appassionano generazioni di amanti dei Comics.

Il Comune di Cento, in collaborazione con la Partecipanza Agraria e con StArt, dal 21 aprile al 9 giugno 2013 organizza la mostra “COMICS CHE PASSIONE. Maestri del fumetto italiani dagli anni ’30 ad oggi”.

All’interno dei locali della Partecipanza Agraria di Cento in corso Guercino 49/1 saranno esposte 80 tavole originali a china e a tempera di grandi autori come Magnus, Staino, Scarpa, Crepax, Manara, Pratt, Rubino, Caesar, Galeppini, Letteri, Tarquinio, Gattia, Roy D’Amo, Caprioli, Sandro Dossi, Franco Chiletto e altri.

La mostra è patrocinata dal Ministero degli Affari Esteri ed è già stata esposta negli Istituti Italiani di Cultura di diverse capitali europee, Varsavia, Copenaghen, Berlino, Amsterdam, Edinburgo.

COMICS CHE PASSIONE

Mostra del fumetto italiano dagli anni ’30 ad oggi
a cura di Maurizio Scudiero
Partecipanza Agraria di Cento (corso Guercino 49/1)
21 aprile – 9 giugno 2013

Apertura: venerdi, sabato, domenica
dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 16,00 alle 19,00
Per visite su richiesta telefonare al 0516843388 – 6843334

Il cantiere della cultura

Three True Stories / Zanele Muholi, Ahlam Shibli, Mitra Tabrizian

immagine mostra

Mitra Tabrizian, Untitled, 2009, courtesy l’artista

Sarà inaugurata sabato 20 aprile 2013 alle 18.30, nelle sale espositive dell’ex ospedale Sant’Agostino di Modena, Three True Stories, mostra dedicata a tre artiste di fama internazionale che attraverso il video e la fotografia indagano temi di forte impegno civile: Zanele Muholi (Sudafrica), Ahlam Shibli (Palestina) e Mitra Tabrizian (Iran/Inghilterra).

Il percorso si articola in tre narrazioni parallele che, partendo da questioni specifiche legate ai contesti d’origine delle artiste, affrontano temi universali come l’identità di genere, il diritto all’esistenza, l’esperienza dello sradicamento. Tre storie vere, che appartengono al nostro tempo, talvolta crude e dolorose, sulle quali tuttavia non è possibile chiudere gli occhi.

L’esposizione, allestita in concomitanza con Il cantiere della cultura, mostra dedicata al progetto di riqualificazione del complesso Sant’Agostino, rimarrà aperta fino al 23 giugno 2013.

Sede Didattica
OPEN DAY @ SEDE DIDATTICA

Una giornata per scoprire il master sull’immagine contemporanea e tutte le iniziative di formazione di Fondazione Fotografia Modena.
> sabato 20 aprile, sede didattica di Via Giardini

Il progetto del nuovo Sant'Agostino
IL CANTIERE DELLA CULTURA

Una mostra dedicata al grande progetto di riqualificazione dell’ex ospedale Sant’Agostino, firmato da Gae Aulenti.
> inaugurazione sabato 20 aprile, ex Ospedale Sant’Agostino

un'immagine di Vincenzo Castella
WORKSHOP CON VINCENZO CASTELLA

Due giorni di immersione nella fotografia di paesaggio con uno dei grandi autori italiani.
> sabato 13 e domenica 14 aprile, sede didattica di Via Giardini

Quale valutazione per quale scuola?

Quando:
20.04.2013 09.00 h – 14.00 h
Dove:
ITS Bachelet – Ferrara
Via Azzo Novello, 22
Categoria:
Convegno

Descrizione

La valutazione degli apprendimenti non è uno strumento neutro o acritico: ogni valutazione presuppone un modello di scuola, e orienta la scuola verso quel modello. Riflettiamo insieme, da lavoratori della scuola, sul significato e sugli sviluppi futuri della valutazione del sistema scolastico in Italia.

Programma della giornata di studi:

  • Girolamo De Michele (La scuola è di tutti) – Meritocrazia e valutazione: una scuola per la società del controllo?
  • Mauro Presini (CIP Ferrara), Maria Maletta (La scuola è di tutti) – Valutazione e handicap
  • Stefania Romani: La valutazione degli apprendimenti nella secondaria di primo grado
  • Gianluca Gabrielli (CESP Bologna) – La valutazione degli apprendimenti nella scuola primaria
  • Carlo Salmaso (CESP Padova) – La valutazione degli apprendimenti in matematica
  • Antonio Ferrucci (USB) – Il Regolamento del sistema nazionale di valutazione delle scuole pubbliche
  • Unione degli Studenti – Dalla parte degli studenti: quale valutazione?

Iscrizioni:

La domanda d’iscrizione può essere inviata via mail a: scuoladitutti@tiscali.it, o presentata direttamente il 20 aprile 2013 alla segreteria del convegno. L’iscrizione è gratuita.

A tutti i partecipanti sarà fornita su richiesta copia della raccolta degli interventi al convegno.
Il convegno è rivolto al personale docente, dirigente e ATA di tutti gli ordini di scuole.
L’attività è riconosciuta come formazione in quanto organizzata dal Cesp, Centro Studi per la Scuola Pubblica.
A tutti/e i/le partecipanti verrà rilasciato un attestato di partecipazione

IL CESP è Ente Accreditato/Qualificato per la formazione del personale della scuola ( Decreto Ministeriale 25/07/06 prot.869)

ESONERO DAL SERVIZIO PER IL PERSONALE ISPETTIVO, DIRIGENTE, DOCENTE E ATA con diritto alla sostituzione in base all’art.64 comma 4-5- 6- 7 CCNL2006/2009 – CIRC. MIUR PROT. 406 DEL 21/02/06)

Girolamo De Michele (La scuola è di tutti) — Meritocrazia e valutazione: una scuola per la società del controllo? http://youtu.be/oO7k1uv2dmQ
Mauro Presini (CIP Ferrara) e Maria Maletta (La scuola è di tutti) – Valutazione e handicap http://youtu.be/D-IZddYjUKEhttp://youtu.be/Yznvqg-7zMA
Stefania Romani – La valutazione degli apprendimenti nella secondaria di primo grado – http://youtu.be/adjOpQiSAeE
Gianluca Gabrielli (COBAS Bologna) – La valutazione degli apprendimenti nella scuola primaria – http://youtu.be/rzLANBOwlqY
Antonio Ferrucci (USB) e Beatrice Trentini (FLC) — Il Regolamento del sistema nazionale di valutazione delle scuole pubbliche – http://youtu.be/GekbVd5qGxEhttp://youtu.be/_5PeOUdO1Yk
Carlo Salmaso (CESP Padova) – La valutazione degli apprendimenti in matematica – http://youtu.be/clVU7Ubbvh0
Irina Aguiari (Unione degli Studenti) – Dalla parte degli studenti: quale valutazione? – http://youtu.be/b6lCLHnWACc

Immagini di città

Venerdì 19 aprile ore 17 – EUROPA, UNA VECCHIA, BUONA IDEA Percorsi Etici nel Novecento Europeo

Marco Bertozzi – WALTER BENJAMIN: IMMAGINI DI CITTÀ
Introduce Riccardo Lavezzi
La città, per Walter Benjamin, è Parigi, la capitale del XIX secolo. I luoghi della città sono “i passages di Parigi”, titolo anche della straordinaria e incompiuta opera, alla quale Benjamin lavorò per lungo tempo: un’affascinante esplorazione degli infiniti frammenti e materiali che caratterizzano la modernità. Benjamin indaga la nostra ottocentesca “preistoria”, considerando Parigi il “cuore pulsante” del mondo, di cui analizza i più diversi “dettagli”: i passages, la merce, la prostituzione, il flâneur, etc. Un universo illusorio e scintillante, alla cui decifrazione contribuiscono tanti filosofi e letterati (come Nietzsche e Poe) ma, specialmente, Baudelaire, figura centrale e illuminante dell’intero percorso di Benjamin.
A cura dell’Istituto Gramsci di Ferrara e dell’Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara

Incontri all'IBS.it bookshop

  • Giovedì 18 Aprile 2013 ore 18.00
    Rassegna internazionale di poesia a cura di Matteo Bianchi e Chiara De Luca
    Morten Sondergaard, Ritratto con Orfeo e Euridice, Kolibris edizioni e
    Inger Christensen, Scale d’acqua, Kolibris edizioni
    Insieme al poeta Morten Sondergaard intervengono Bruno Berni direttore della Biblioteca Nazionale di Germanistica di Roma e l’editore Chiara De Luca

    Venerdì 19 Aprile 2013 ore 17.30
    Giulietto Chiesa presenta
    Invece della catastrofe

    Sabato 20 Aprile 2013 ore 18.00
    Rossano Scanavini presenta
    I giorni della merla

    Lunedì 22 Aprile 2013 ore 17.30
    Letture sulla Resistenza a cura di Anna Quarzi, Direttrice dell’Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara
    Evento inserito all’interno della manifestazione Festival d’aprile.

  • Ferrara – Ibs.it boohshop – Palazzo di San Crispino – Piazza Trento Trieste
  • http://www.ibs.it/libreria/ferrara/fe.html
  • Orari: vedi programma
  • Ingresso: gratuito