Siamo già poveri?

Potete fare il test voi stessi, utilizzando le seguenti categorie:

Persone a rischio di povertà – Tutte quelle persone che dispongono di un reddito pari al 60% del reddito medio pro capite del Paese in cui abitano. Il calcolo viene effettuato in questo modo, prendete il reddito che entra ogni anno in una famiglia e dividetelo per 1.0 per il primo adulto, dividetelo di un ulteriore 0,5% per ogni altro componente dai 14 anni in su, dividetelo di un ulteriore 0,3% per ogni altro componente al di sotto dei 14 anni.

Persone “dentro” la povertà e/o l’esclusione sociale (“severely materially deprived persons”) – Tutte quelle persone che si trovano in ristrettezze e vivono 4 delle 9 situazioni seguenti: 1) incapacità di pagare affitti o mutui o debiti entro la data stabilita; 2) incapacità a riscaldare adeguatamente la casa 3) incapacità a fronteggiare spese impreviste (ad esempio il dentista, una forte multa, la riparazione di mezzi meccanici) 4) incapacità a acquistare carne, pesce o cibi equivalenti come contenuto proteico ogni due giorni 5) non in grado di passare almeno una settimana di vacanza fuori casa (inclusi quelli che si appoggiano a parenti) 6) che non possiedono un’auto 7) che non possiedono una lavatrice 8 che non possiedono un televisore a colori 9) che non possiedono un telefono (compreso il telefono cellulare)

Persone che vivono in nuclei familiari a “bassa intensità di lavoro” – Tutti coloro che vivono in una famiglia nella quale uno o più membri in età lavorativa hanno lavorato il 20% meno di quanto avrebbero potuto fare. Sono esclusi gli studenti.

Fonte: http://irradiazioni.wordpress.com/2012/02/12/siamo-sempre-piu-poveri-ed-esclusi/

0 pensieri su “Siamo già poveri?

  1. Per non farci pensare, oltre alla consueta dose di quotidiana disinformazione, i media si inventano sempre nuovi eventi di cui discutere: il naufragio, il maltempo, il festival di Sanremo; adesso arriverà il Carnevale e, ovviamente onnipresenti, sport e spettacolo.
    A giudicare dai risultati direi che la cura narcotizzante sta funzionando alla grande!

    "Mi piace"

  2. Se avete fatto il test e non rientrate in nessuna delle categorie elencate, buon per voi; però esiste anche la povertà relativa.
    Per spiegarlo partirò da un esempio personale: nel 1971 in un’ora “buca” potevo andare in centro a Ferrara, parcheggiare sotto la statua del Savonarola, comprare un paio di calzoni di buon taglio e buona stoffa, senza dilapidare tutto il mio stipendio, e portarli per 10 anni.
    Oggi, a 40 anni di distanza, la forbice tra lo stipendio di un impiegato ed il manager della stessa azienda si è ampliata da 100 a 400 volte, le stoffe sono fatte in Cina, il traffico è impossibile e i prezzi altrettanto.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.