Essere senza tempo

http://www.youtube-nocookie.com/v/eqSfBMpwxkA?fs=1&hl=en_US&rel=0

Il tempo e la memoria tra antichità classica e letteratura post moderna

Cristina Zanette

The time is out of joint: o cursed spite, that ever I was born to set it right!
Shakespeare, Hamlet I, V vv. 189-190
1. Il tempo, concezioni e definizioni

Tu ne quaesieris, scire nefas, quem mihi, quem tibi
finem di dederint, Leuconoe, nec Babylonios
temptaris numeros. Ut melius, quidquid erit, pati,
seu pluris hiemes seu tributi Iuppiter ultimam,
quae nunc oppositis debilitata pumicibus mare
Tyrrhenum: sapias, vina liques, et spatio brevi
Spem longam reseces. Dum loquimur, fugerit invida
Aetas: carpe diem, quam minimum credula postero [1].
Orazio, Carmina I, 11

In tria tempora vita dividitur: (tempus) quod fuit, quod est, quod futurum est: ex his, (tempus) quod (nos) agimus breve est, quod acturi sumus dubium, quod egimus certum [2].
Seneca, De brevitate vitae, X, 2

Orazio (65 a.C.-8 a.C.) nei Carmina (23 a.C.) come Seneca (4 a.C.-65 d.C.) nel De brevitate vitae (49-52) si interrogano sullo scorrere del tempo, sul suo fluire incessante, sull’impossibilità di fermarlo o di prevederlo. Per Orazio la sola possibile risposta è il “quam minime credula postero”, non aspettare ciò che potrebbe accadere in un poi incerto, perché anche mentre si discute del tempo il tempo, inesorabile, già è fuggito (spatio brevi / spem longam reseces. Dum loquimur, fugerit invida Aetas). E il tempo fugge ancora, secoli dopo, in Petrarca (1304-1374) che svela l’inganno non tanto del tempo, quanto della pretesa dell’uomo di computarlo, di dividerlo in ore e minuti, perché il tempo del desiderio non corrisponde al tempo reale (Canzoniere LVI):

Se col cieco desir sche ‘l cor distrugge
Contando l’ore no m’inganno io stesso,
ora mentre ch’io parlo il tempo fugge
ch’a me fu inseme et a mercè promesso

Non vi può essere piena simultaneità tra le diverse temporalità esperite dall’uomo, quella del tempo standard, intersoggetivamente accessibile, intersezione tra il tempo cosmico ed il suo calendario socialmente stabilito, e il tempo interiore (Berger, Luckmann 1966).
Per Seneca (Epistulae morales ad Lucilium I, 3) è l’uomo che di fronte all’incessante fluire del tempo deve riappropriarsi del tempo stesso: “dum differtur vita transcurrit. Omnia, Lucili, aliena sunt, tempus tantum nostrum est (mentre si differisce la vita scorre. Nulla, Lucilio, ci appartiene, solo il tempo è nostro). Ci appartiene perché non è importante vivere ottanta o venti anni, perché spesso chi vive a lungo è già morto da tempo, chi muore giovane ha vissuto più intensamente, quindi di più: non si deve cercare di vivere a lungo, ma abbastanza, “non ut diu vivamus curandum est, sed ut satis” (Epistilae morales ad Lucilium XCIII, 2), perché il tempo della vita dipende dal fato, ma l’intensità di essa dipende dall’uomo (“nam ut diu vivas fato opus est, ut satis, animo”). (Epistulae morales ad Lucilium XCIII,2)…

continua all’URL: http://www.scienzepostmoderne.org/DiversiArticoli/TempoMemoria.html

Diego Fusaro, Essere senza tempo, Bompian € 12

Viviamo nell’epoca della fretta, un “tempo senza tempo” in cui tutto corre scompostamente, impedendoci non soltanto di vivere pienamente gli istanti presenti, ma anche di riflettere serenamente su quanto accade intorno a noi. L’endiadi di essere e tempo a cui Martin Heidegger aveva consacrato il suo capolavoro del ’27 sembra oggi riconfigurarsi nell’inquietante forma di un perenne essere senza tempo. Figlio legittimo dell’accelerazione della storia inaugurata dalla Rivoluzione industriale e da quella francese, il fenomeno della fretta fu promosso dalla passione illuministica per il futuro come luogo di realizzazione di progetti di emancipazione e di perfezionamento, la nostra epoca “postmoderna”, che pure ha smesso di credere nell’avvenire, non ha per questo cessato di affrettarsi, dando vita a una versione del tutto autoreferenziale della fretta: una versione nichilistica, perché svuotata dai progetti di emancipazione universale e dalle promesse di colonizzazione del futuro. Nella cornice dell’eternizzazione dell’oggi resa possibile dalla glaciale desertificazione dell’avvenire determinata dal capitalismo globale, il motto dell’uomo contemporaneo – mi affretto, dunque sono – sembra accompagnarsi a una assoluta mancanza di consapevolezza dei fini e delle destinazioni verso cui accelerare il processo di trascendimento del presente. (Prefazione di Andrea Tagliapietra)(corsivi nostri)

7 pensieri su “Essere senza tempo

  1. La strana notte di Alice
    Venerdì 18 marzo, Teatro comunale di Occhiobello

    Alice è una donna apparentemente pragmatica e positiva che vive la sua vita sempre di corsa tra appuntamenti di lavoro e non solo, continuamente alla ricerca di un equilibrio emotivo. Una sera rompe accidentalmente la chiave del suo appartamento dentro la serratura. È solo l’inizio di una nottata piena di avvenimenti straordinari. Alice scopre un condominio che, vissuto nel silenzio della notte, rivela personaggi e esistenze che si percepiscono, ma non si vedono; una realtà poetica e misteriosa fa da cornice a una serie di situazioni paradossali che, con il passare delle ore, si riveleranno estremamente comiche e surreali. Il destino ha spesso in serbo delle sorprese e a volte capita che scelga di manifestarsi in direzioni inaspettate. Sta a noi decidere quale sentiero percorrere. Così un piccolo e banale incidente può spingerci a spostare il punto di vista sulla nostra vita, regalandoci un presente imprevisto e imprevedibile.

    Con Ussi Alzati, Andrea Appi, Martino Duane
    Di Alessandro Betti
    Regia Roberto Marafante
    Aiuto regia Lilla Vancheri
    Musiche Paolo Censi
    Scenografi e Andrea Dell’Orto
    Costumi Giusy Nicoletti
    Assistente scene e costumi Giuliana Kossuth
    Disegno luci Stefano Valentini
    Responsabili tecnici Rossano Siragusano, Paolo Censi

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.