Repetita iuvant

L’articolo che segue è apparso su bondeno.com nel 2005, ci dispiace che sia ancora attuale, perché significa che niente di quanto si auspicava è stato fatto:

“Lentamente, impercettibilmente ma inesorabilmente, tutto qui nel nostro amato-odiato piccolo ed inospitale “paesello” dell’Alto Ferrarese, si sta dismettemdo, sta scomparendo; e noi, qui a Bondeno, quasi non ce ne accorgiamo.

Per un intransigente efficientismo di bilancio («Togliere le inefficienze… tagliare “i rami secchi”…»); ma anche per ineluttabili ed irresponsabili dinamiche macro e micro economiche (le attività che non producono ricchezza e/o consenso si debilitano progressivamente e, senza rimpianti, scompaiono), stiamo progressivamente perdendo quegli speciali segni, materiali ed immateriali, che identificano la città e la comunità che la abita.

La prevista dismissione dello zuccherificio; la riduzione dei servizi ospedalieri; la privatizzazione, sia dei servizi alla persona sia alla localizzazione scolastica, per quanto riguarda dotazioni-bisogni materiali; ma anche l’irrimandabile chiusura dell’Argentina; il deficit di politiche di sostegno all’associazionismo socio-culturale; la “banale convenienza” di sostituire ad una complessa ma possibile offerta teatrale (Finale Emilia; Copparo – per limitarsi a quei casi funzionanti e soddisfacenti che il comitato “Vivere Bondeno” ha messo in evidenza), un’attività commerciale di basso profilo, senza un indotto sensibile per la città, se non quello di un ingestibile e sovradimensionato carico urbanistico del centro cittadino; queste, quindi, le tragiche ma invisibili perdite immateriali che ci stanno investendo.

Fatali ed ineluttabili prevaricazioni di quel «nomadismo post-moderno» (J. Baudrillard) che hanno investito anche la nostra piccola e marginale comunità; ma da cui sarebbe irresponsabile e miope farsi sorprendere; ovvero, che sarebbe insufficiente aggredire e neutralizzare con superficiali interventi “di cassa” e con esangui azioni “di bilancio” – anche se “illuminate” ed efficientiste.

Questa giunta di centro-destra, attualmente impegnata nell’amministrazione di tale complicato scenario socio-economico, pur con un margine lievissimo, ha intercettato un’altra volta il consenso dei cittadini bondenesi:

– evitando, però, impegnativi e condivisi progetti politici, per enfatizzare invece un liberalismo “di maniera”, banalmente aggressivo ed antagonista e privo di una lungimirante creatività “di governo”;

– giocando la sua locale affidabilità politica su quelle ambigue-oblique parole d’ordine, tipiche del quadro nazionale: populismo sfrenato, pseudo-efficientismo aziendalista, gigantismo politico-programmatico, un anticomunismo fondamentalista; epiteti inquisitori e grida terroristiche con cui l’attuale primo ministro, in modo così rumoroso e sfacciato, sta investendo le piazze – reali e mediatiche – di questo nostro debilitato paese: per drammatizzare ed esorcizzare la Politica, riempiendo le stesse metaforiche piazze di impeccabili ed eleganti yesmen.

«Il “grande” è spettacolare e bello…» (così il Sindaco rispondeva al comitato “Vivere Bondeno”, che gli eccepiva rispetto i suoi mastodontici impegni di spesa) «… un coraggio (quello delle spese insensate?) che la Sinistra a Bondeno non ha mai avuto».

«Il privato, la privatizzazione… è questa la soluzione ai deficit della debole economia del welfare»: ecco la luminosa immagine dell’eroico e solitario imprenditore (meglio se aggressivo, meglio se anticomunista) che da solo, valorosamente, riscatta le inefficienze di un mercato – quello nazionale –, sempre più marginale e sempre meno competitivo.

«Teniamo tutto sotto controllo…»: una paternalistica e retorica rassicurazione, destinata ad una cittadinanza sempre più spaventata per l’ineluttabile crescita dalla complessità di questo mondo globale; per scatenare un’immatura dipendenza edipica “dal capo”, in assenza di quell’unico anticorpo, utile e risolutivo, rappresentato dalla «possibilità di partecipazione… l’opportunità di parlare» (H. Arendt).

Presuntuoso e pretestuoso, da parte di chiunque, accreditarsi delle soluzioni, univoche e risolutorie.

Il numero di dicembre 2005 dell’agile rivista trimestrale, «Il Municipio di Bondeno», in occasione della presentazione-discussione del bilancio 2006, con coraggio (concediamoglielo!), informa sulla sequenza delle emergenze che investono catastroficamente il territorio comunale.

Il titolo sullo zuccherificio che chiuderà condivide la terza pagina con l’assillante problematica della disoccupazione femminile. L’articolo di fondo di pagina sei s’interroga: «Quale futuro per l’Argentina?». La rubrica “Opinioni a confronto” (pp. 8-9) riporta, pariteticamente (concediamoglielo ancora!), gli interventi dei diversi gruppi consiliari; però, a proposito di “Sanità”, lo scintillante e plebiscitario populismo dell’Unione di Centro («Forza Sindaco, forza a tutti i politici di destra e di sinistra e di centro, lottiamo tutti insieme, facciamo valere i nostri diritti.»), batte addirittura i più sconcertanti paradossi linguistici e la grammatica “agreste” del «Grande Fratello»; con una più sottile capacità interpretativa, l’intervento di Alleanza Nazionale («Il futuro e nel piano regolatore») affida alla creatività della «buona pianificazione» il compito «di “stravolgere” la cittadina».

A parte questi troppo sarcastici sbuffi filologico-interpretativi, è comunque assai positivo – è politicamente essenziale, cioè – che il cittadino di Bondeno sia periodicamente informato:

1) di come vengono impiegate quelle risorse pubbliche che, indirettamente – attraverso l’IRPEF –, o più direttamente – attraverso l’ICI ed i vari tributi locali –, ogni singolo cittadino investe, per una ponderata e conveniente gestione del suo comune;

2) di come viene utilizzata e valorizzata quella delega che, alle elezioni amministrative, una parte maggioritaria della cittadinanza bondenese, ha investito nel Sindaco e nei Partiti a rappresentarla [curiosa la coincidenza, che m’impegno a verificare personalmente, dell’apparizione sulla stessa rivista della recensione al volume: Il male luminoso: comunicazione, società, politica – del giovanissimo concittadino Fabio Bergamini. Un’avvincente riflessione habermasiana sul catastrofismo dei «nuovi idoli post-moderni», che ci invita a riflettere, con prudenza e disincanto, sulle parole-chiave “benessere e sviluppo”, ma anche “libertà e democrazia”, al fine di rimpossessarsene, con un ormai dimenticato protagonismo della cittadinanza].

Una verifica della qualità e della convenienza dell’«investimento civico» che dovrebbe attuarsi quotidianamente, e non limitarsi banalmente alla rituale ricorrenza elettorale, ovvero a seguire annoiati i lunghi ed inefficaci dibattiti consiliari sul bilancio.”

A proposito di “bilanci”

di Pier Giorgio Massaretti

3 pensieri su “Repetita iuvant

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.